Tutto il mondo festeggia il Capodanno e ogni paese fa a gara per lasciare il vecchio anno, con i suoi problemi, e inaugurare la speranza di un nuovo anno, più fortunato del precedente. Ogni paese ha la sua usanza, pagana o religiosa che sia, ma il motto, anzi il botto, è lo stesso.
La mezzanotte segna il momento di passaggio come se si dovesse festeggiare la fine del mondo e i “botti” di Capodanno sono la pagana manifestazione della volontà di allontanare le forze (o spiriti) del male che si scatenano nel momento di passaggio al nuovo.
Non per tutti è il momento per festeggiare, i nostri piccoli amici, e tutti gli animali in generale, temono questo momento e sono particolarmente sensibili al fenomeno. Luci, tremori dei vetri, esplosioni più o meno forti, sono fonte di stress enorme per loro inducendoli anche ad escludere la parte razionale e concentrarsi nel sopravvivere all’evento.
Le manifestazioni sono molteplici, c’è chi scappa, chi abbaia, chi diventa aggressivo e chi nervosamente cerca una via di fuga … si, perché come ben sapete il loro udito è molto più sensibile del nostro, fino a quattro volte e più sensibile e capace di sentire anche ultrasuoni. Oltre a quello le vibrazioni che avvertono dal terreno, i lampi sono in natura eventi per lo più sgradevoli per loro e imprevedibili. Fattori genetici quindi che inducono pericolo e paura, motivo in più per essere preoccupati.
Ma cosa poter fare in queste situazioni? Quali sono gli accorgimenti che un proprietario dovrebbe avere?

Se per noi è facile non aderire allo sparo dei botti, non sempre si riesce a convincere chi sta vicino a noi, anche se ultimamente molti comuni cercano di diffidare i cittadini dallo sparo dei botti.
Di seguito riporto alcuni semplici suggerimenti che potrebbero aiutare il nostro piccolo amico:

- evitare di lasciare il cane legato a guinzaglio, corde o catene o qualsiasi altro vincolo che potrebbe risultare per lui pericoloso nel tentativo di divincolarsi per fuggire.

- evitare assolutamente di andare a passeggio con lui a cavallo del nuovo anno. Oltre che essere un atteggiamento stupido e mettere in pericolo la sua salute, le conseguenze della fuga non solo sarebbero pericolose per lui, ma anche per altre persone che potrebbero trovarsi nei paraggi.

- evitare di farlo sorvegliare da bambini o ragazzi

- mettete una cuccia nell’angolo di una stanza (meglio se l’avete già), lontana da finestre o porte in modo tale che possa rifugiarsi al bisogno.

- se il cane vive sul balcone, farlo rientrare in casa e serrare bene porte e finestre.

- se si nasconde, non forzatelo ad uscire dal suo nascondiglio, potrebbe reagire irrazionalmente e mordervi. Lasciatelo lì e ignoratelo.

- se il vostro cane non è sensibile al rumore della televisione ad alto volume allora la potete usare per nascondere i rumori meno forti e confondere il suo udito, ricordate che però non può celare il bagliore o le vibrazioni del terreno.

- qualora abbiate invitati a casa, avvertiteli che il cane ha paura dei botti e fate capire di non lasciare finestre o porte aperte in quanto se il cane dovesse scappare potrebbe utilizzare quelle come via di fuga, soprattutto se siamo in un appartamento e a una certa altezza. Sebbene le persone siano state avvisate, se il comportamento del cane potrebbe essere pericoloso per gli invitati, allontanatelo in un’altra stanza e vegliatelo.

- se avete la possibilità di andare in una casa o luogo di vacanza più tranquillo è la soluzione ottimale, ma ricordiamoci sempre i punti sopra elencati e che il cambio di abitazione potrebbe essere per lui ulteriore fonte di stress, quindi dovremmo accedervi come minimo una settimana prima per lasciare il tempo di abituarsi al nuovo ambiente.

Questi sono suggerimenti che possono aiutare nel breve ma sicuramente bisogna prevenire qualsiasi comportamento che potrebbe recare danno a lui o ad altri con un percorso riabilitativo. Per questo esistono educatori e veterinari comportamentalisti che vi potranno aiutare.

Angelo Romanò
Educatore Cinofilo CSEN - APNEC
Club Italiano Jack Russell Terrier

Vienici a trovare su Facebook